CapelloAlvento

Capello al vento, nuvole d'argento, di poco m'accontento!Sbandato al vento ondeggio di qua e di là in balìa dei miei pensieri asciutti e distratti che non vogliono raccogliersi e non voglio raccogliermi in una ciocca ordinata che odora di grasso, infiocchettata di rosa, falsamente pulita. Sono un capello al vento, un capello ribelle, che ama sentire il calore del sole sulla sua pelle. Un sole non filtrato da nuvole di false apparenze. Sono un capello, un capello al vento… Solo sciolto, son contento.

lunedì 3 settembre 2012

Tornata a casa, dopo una lunga pausa estiva.
Una pausa in cui mi sono ascoltata e parlata,
ho chiesto alle onde di portare il mio pensiero
e alla luna e alle stelle di portare il mio sguardo
a chi era lontano.
(Un messaggio… che ne toccasse il cuore.)

Tornata a casa, ora, è trascorso il tempo di sognare.
E’ tempo di tornare al concreto, alla realtà,
alla ricerca di un lavoro, ad un nuovo studio,
ad un nuovo sguardo, a nuove parole.
Il messaggio inviato non ha dato risposta.

E forse non ce n’è.

Ve bene così, il mio pensiero è già altrove.


Nessun commento:

Posta un commento